“Il nostro lavoro si indirizza verso quelle parti in noi che sono ferme, quelle parti dove non ci mostriamo, dove tratteniamo i nostri sentimenti e non lasciamo fluire le nostre azioni.